In offerta!
Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673
Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673Ottavio FABRI - L’uso della squadra mobile - 1673

Ottavio FABRI – L’uso della squadra mobile – 1673

500,00 450,00

COD: 49873567644444 Categorie: , , ,

Descrizione

Ottavio FABRI – L’uso della squadra mobile d. Ottavio Fabri con la quale per teorica et per pratica si misura geometricamente ogni distanza, altezza, e profondità. S’impara a perticare livellare, et pigliare in dissegno le Città Paesi, et Provincie. Il tutto con le sue Dimostrationi intagliate in rame – 1673. in Padova, per i Gattella; mezza pelle con titoli e fregi dorati impressi al dorso, piatti marmorizzati; 8°, cm 22,8; 1 vol.; pagg. 100; rari e ininfluenti fori di tarlo al margine esterno per una decina di pagine, nel complesso ottimo esemplare; Frontespizio calcografico, 24 vignette numerate (in realtà 23) incise nel testo. La squadra mobile o zoppa realizzata in ottone dall’ingegnere e agrimensore veneziano Ottavio Fabri, rappresentava una versione perfezionata del grafometro messo a punto, sul finire del XVI secolo dal francese Philippe Danfrie. Lo strumento consentiva di misurare e riportare sul disegno con grande facilità gli angoli ottusi. Inoltre permetteva con l’ausilio del riportatore costituito da una squadra con un braccio mobile e da un quadrante di fissare graficamente i punti di intersezione e calcolare le distanze con il calcolo trigonometrico. Tali caratteristiche agevolavano non poco il lavoro dei periti agrimensori e degli ingegneri. Strumenti del genere si diffusero ampiamente nel corso del XVII secolo quando le esigenze di misurazione esatta e speditiva del territorio degli agrimensori e degli ingegneri civili e militari aumentarono notevolmente