BEMBO Pietro – LE PROSE DI M.PIETRO BEMBO – 1552

400,00

Descrizione

BEMBO Pietro – LE PROSE DI M.PIETRO BEMBO Nelle quali si ragiona della volgar lingua scritte al Cardinale de Medici che poi fu creato a Sommo Pontefice et detto Papa Clemente Settimo divise in tre libri – 1552. Venezia Vinegia, Appresso Gualtero Scotto; Pergamena con titolo manoscritto al dorso, la parola Bembo manoscritta sul piatto anteriore insieme con la data; 16°, cm. 15,6×10,3; 1 volume; 316 complessive; ; Opera fondamentale nella questione della lingua in cui si sostiene che, per la scrittura di opere letterarie, gli italiani devono prendere come modello due grandi autori del 1300: Petrarca per la poesia e Boccaccio per la prosa. E’ scritto in forma di dialogo fra 4 personaggi storici: (il fratello) Carlo Bembo, (un umanista di Ferrara) Ercole Strozzi, Il duca di Nemours e il futuro cardinale Federico Fregoso. Opera fondamentale nella questione della lingua in cui si sostiene che, per la scrittura di opere letterarie, gli italiani devono prendere come modello due grandi autori del 1300: Petrarca per la poesia e Boccaccio per la prosa. E’ scritto in forma di dialogo fra 4 personaggi storici: (il fratello) Carlo Bembo, (un umanista di Ferrara) Ercole Strozzi, Il duca di Nemours e il futuro cardinale Federico Fregoso